maggio 13th, 2015 by socio

Donna Oggetto: L’Oggettivazione delle Donne

Il concetto di reificazione o oggettivazione delle donne è nato con la seconda ondata del femminismo degli anni ’70. Tuttavia, nonostante il relativamente recente periodo, l’oggettivazione delle donne non è un fenomeno nuovo. Durante l’Illuminismo francese nel XVII e durante il XVIII secolo si assiste ad un intenso dibattito sul ruolo del seno femminile. Nel dramma di Alexandre Guillaume Moissy Mouslier del 1771 “Vera Madre”, il personaggio protagonista femminile si lamenta con il marito di trattarla come un semplice oggetto di gratificazione sessuale:

“Sono i vostri sensi a considerare in modo rozzo questi rispettabili seni tesori della natura, come semplici ornamenti, destinati ad ornare il petto delle donne?”

Tuttavia sembra che oggi l’oggettivazione delle donne è diventata più rilevante in una società inghiottita dal consumismo e dove le donne hanno continuato a diventare un prodotto dedicato al divertimento in generale della società umana. Questa forma di violenza simbolica, che è quasi impercettibile, è sottoposta a tutte le donne attraverso la pubblicità, riviste, programmi TV, film, videogiochi, video musicali, reality show, etc.

Ma che Cos’è Veramente l’Oggettivazione?

È l’atto di rappresentare o trattare una persona come un oggetto (che può essere utilizzato come uno desidera). Più in particolare, l’oggettivazione sessuale è di rappresentare o di trattare una persona come un oggetto sessuale, ignorando le sue qualità e le capacità intellettuali e personali e riducendoli a meri strumenti per il piacere sessuale di un altro.

Come Possiamo Riconoscere l’Oggettivazione Sessuale?

In alcuni casi, oggettivazione è ovvia, ma in altri può essere meno evidente. La sociologa americana Caroline Heldman ha progettato il test di oggetto sessuale (TOS), che identifica la presenza di oggettivazione sessuale in immagini basato su una risposta affermativa a una delle seguenti sette domande:

1) L’immagine mostra solo una o più parti del corpo della persona?

Una donna senza testa, per esempio, a differenza di un corpo unico è utile a cancellare ogni traccia di individualità trasmessa dal viso, dagli occhi e dal contatto visivo con la persona dell’immagine.

donna sessualizzata

2) L’immagine di una persona sessualizzata funge da supporto per un oggetto?

donna oggetto

3) L’immagine di una persona sessualizzata che può essere scambiata o rinnovata in qualsiasi momento?

L'”intercambiabilità” è un elemento comune nella pubblicità e rafforza l’idea che le donne come gli oggetti, sono fungibili (usati e scartati). Come gli oggetti, “più ne hai e meglio è”, un’idea che cancella il valore individuale di ogni donna.

In queste immagini di Victoria Secret mostra un gruppo di donne, allineate tra loro. Tutte sono quasi identiche, pur avendo tonalità della pelle e capelli un po’ diverse, tutte vestono allo stesso modo e hanno le stesse taglie.

victoria secret modelle

4) L’immagine in una persona sessualizzata può essere umiliata senza il suo consenso?

donna oggetto umiliazione

La Peta, in difesa dei diritti degli animali sembra non abbia remore ad esporre la donna come oggetto di umiliazione.

5) L’immagine suggerisce la disponibilità sessuale di una persona?

Questa immagine di una donna gambe aperte e il suo segnale: “Ora sono disponibile” manda il messaggio che le donne sono sessualmente ricettive per chiunque sia interessato.

donna pubblicità

6) L’immagine mostra una persona sessualizzata che può essere utilizzato come un oggetto o cibo?

Per definizione, gli oggetti possono essere acquistati e venduti e alcuni annunci mostrano donne come merci per un uso quotidiano. In questo annuncio del 1936 a Los Angeles, le donne sono apparecchi:

femmina oggetto

Oppure qui, rappresentata come un cibo da mangiare per soddisfare un appetito:

donna oggetto cibo

7) L’immagine mostra il corpo di una persona sessualizzata come fosse una tela?

Le persone diventano tele trasmettendo ciò che la persona sta pensando:

donna dipinta

Questo annuncio della Durex è stato censurato. Nel caso della donna a detta delle scritte, sembra che abbia uno squisito sapore in bocca…

durex

Nel complesso, i danni causati dalla oggettivazione diffusa delle donne nella cultura popolare non è puramente teorica. Più di dieci anni di studi mostrano gli effetti nocivi per le ragazze e le donne di crescere e di vivere in una società dove la donna è continuamente sessualizzata. Di questi effetti, discuteremo un’altra volta.

Posted in Sessualità Tagged with: