giugno 29th, 2017 by socio

Cos’è la ritenzione urinaria psicogena?

La ritenzione urinaria psicogena è un disturbo d’ansia sociale è difficoltà a urinare quando si è in presenza di altri. Questo disturbo può iniziare a qualsiasi età e colpisce soprattutto i bambini e gli uomini, anche se possono avere anche le donne e le ragazze.

E ‘difficile sapere quale percentuale di persone sono colpite da questo disturbo, anche se gli studi suggeriscono che fino al 7% della popolazione. Questa cifra potrebbe essere ancora più alta.

Escludere i problemi di prostata

Prima di trarre conclusioni affrettate, potrebbe essere utile una visita urologica per accertarsi che non ci siano problemi fisici che impediscono all’urina di uscire, come una prostata ingrossata o una prostatite.

Perché alcune persone hanno la ritenzione urinaria psicogena?

La causa esatta di ritenzione urinaria psicogena è sconosciuta. Sembra di essere a causa di una combinazione di fattori biologici ereditari e fattori ambientali che influenzano il paziente.

Quali sono i sintomi?

ritenzione urinaria psicogenaLa paura o difficoltà a urinare quando ci sono altre persone nelle vicinanze.
I pazienti pensano che qualcuno possa bussare alla porta del bagno, in qualsiasi momento, oppure si può vedere o sentire durante la minzione o ci potrebbe essere un attesa fuori la porta, che induce molta preoccupazione.

Quando ci sono persone vicine e il paziente ha bisogno di urinare, sperimenta ansia, rabbia e vergogna del corpo. Queste emozioni provocano una contrazione degli sfinteri uretrali interni ed esterni. Gli sfinteri sono muscoli circolari che limitano il passaggio dell’urina involontariamente e volontariamente. Per la minzione è necessario che gli sfinteri siano rilassati.

La ritenzione urinaria psicogena avviene quando i pazienti devono utilizzare i servizi pubblici come quelli in autobus, navi, treni o aerei. Può anche essere molto problematico ottenere un campione per l’analisi delle urine.

La difficoltà a urinare scompare quando il paziente è sicuro che non c’è nessuno nelle vicinanze e pensa che sia molto improbabile che arrivi qualcuno.

Nei casi più gravi, i pazienti passano molto tempo aspettando che tutte le persone scompaiono dal bagno pubblico prima di urinare. Alcuni evitano completamente di urinare nei servizi pubblici.

Questo può limitare severamente la vita sociale dei pazienti, impedendo ad esempio di andare in vacanza.

In alcuni casi estremi, il lavoro viene scelto in base alla possibilità di avere accesso ad un bagno privato.

Come viene diagnosticata la ritenzione urinaria?

Questo disturbo viene diagnosticato in primo luogo dalla storia del paziente, dove è possibile recuperare la causa scatenante.

Farmaci

A volte è necessario prendere il farmaco, soprattutto quando il paziente ha sintomi di depressione o ansia grave. Il trattamento può essere eseguito dal medico, anche se in alcuni casi di grave ansia può essere necessario per vedere uno psichiatra.

Trattamento psicologico

Diversi studi hanno dimostrato che può essere utile indirizzare il paziente ad uno psicologo per condurre la terapia comportamentale. Dopo il trattamento è stato osservato un lieve ritardo nell’iniziare la minzione, aumento del volume delle urine e riduzione l’ansia. Il miglioramento iniziale può essere mantenuto fino a sei mesi. Il Bethanechol cloruro, un farmaco che aiuta a produrre la contrazione del muscolo della vescica urinare, può aumentare gli effetti della terapia comportamentale.

Sondaggio

In alcuni casi gravi, può essere necessario indirizzare il paziente ad un urologo per inserire un catetere urinario per svuotare la vescica.

Si ritiene che le persone con ritenzione urinaria psicogena grave, che limita notevolmente le loro attività domestiche e di lavoro, hanno una fobia non generalizzata sociale.

Il trattamento varia a seconda delle circostanze individuali del paziente. Non esiste un unico trattamento che è efficace in tutti i casi, e nella maggior parte, è necessario utilizzare un approccio multidisciplinare.

L’obiettivo del trattamento è quello di fare in modo che il paziente possa urinare senza difficoltà e senza paura quando ci sono altre persone nelle vicinanze.

Posted in Comportamenti, Salute Tagged with: